Da quanto tempo lavori in hotel, e in che modo la tua esperienza formativa ti ha preparato al lavoro di concierge?

Alessia - Il Pellicano: Sono al Il Pellicano da 11 stagioni! Ho iniziato al Front Office, fino a quando le Risorse Umane non mi hanno suggerito di passare alle relazioni con gli ospiti, poiché mi piaceva lavorare a stretto contatto con loro. Originaria di Porto Ercole, ho avuto la fortuna di esplorare a fondo il territorio e, negli anni, ho costruito una rete di contatti che mi ha permesso di offrire un'esperienza di concierge unica ai nostri clienti, dentro e fuori l'albergo.

Francesco - Mezzatorre: Ho iniziato a lavorare al Mezzatorre nel 2016, come portiere. Sono poi passato al Front Office e, infine, alla Conciergerie. Ancor prima, ho conseguito un master in Hospitality Management presso la Cornell University, quindi ho trascorso un po' di tempo in Svizzera e nel Regno Unito. Le esperienze all'estero mi hanno formato molto, aprendomi la mente e permettendomi di approcciare nuove realtà e filosofie di lavoro, nonché aiutandomi a venire a contatto con ospiti di nazionalità, esigenze e abitudini differenti. 

Fabiola - La Posta Vecchia: Lavoro a La Posta Vecchia da cinque anni, occupandomi di reception e di concierge. Sono nata alle Mauritius, dove sono cresciuta circondata da persone di culture e lingue diverse - cosa che mi ha davvero influenzato – e poi mi sono trasferita a Roma, dove mi sono specializzata in turismo e ospitalità presso l'Università di Tor Vergata. Vivo a Palo Laziale da quando sono in Italia, e approdare a La Posta Vecchia è stato un sogno professionale che si è realizzato.


Qual è l’aspetto più positivo della professione di concierge? E quello più impegnativo?

Alessia: L’aspetto più positivo è sicuramente poter entrare in contatto con le culture di tutto il mondo e sentirmi gratificata quando riesco a soddisfare le richieste più esigenti e vedo gli ospiti felici a fine soggiorno.

Francesco: Essere un concierge significa prendersi cura del soggiorno dell’ospite e organizzare e soddisfare le sue richieste da prima dell'arrivo a dopo la partenza. Per me che sono Ischitano, è motivo di grande gioia ed orgoglio poter mostrare le perle della nostra Isola e trasmettere l’amore per la mia terra ai nostri ospiti. L’aspetto più impegnativo? L’Isola è ancora una destinazione stagionale, questo fa sì che il lavoro si concentri tutto in 6-7 mesi, rendendo delle volte difficile incastrare le richieste di tutti gli ospiti con le disponibilità dei vari fornitori.

Fabiola: L’aspetto più bello di essere una concierge è veder tornare gli ospiti soddisfatti e sapere di aver fatto vivere loro un momento che rimarrà nelle loro memorie forse per sempre. Il più impegnativo è sicuramente quello di capire quale proposta potrebbe essere quella giusta per ogni singolo ospite: lavorando molto nell’ambito delle emozioni si tratta sempre di scelte personali e soggettive.


Potresti condividere un momento professionale di cui vai particolarmente fiero/a? 

Alessia: Negli ultimi 2 anni abbiamo ricevuto molte richieste da ospiti che vogliono organizzare la loro proposta di matrimonio al Pellicano, quindi molti dei miei ricordi preferiti sono legati a quello. Dal momento della richiesta ci sentiamo responsabili e partecipi affinché tutto sia perfetto ed indimenticabile. La felicità e la gratitudine con la quale tornano gli ospiti ci ripaga degli sforzi fatti e ci fa fare un bellissimo lavoro di squadra con altri reparti.

Francesco:  Nel mio lavoro al Mezzatorre i momenti motivo d'orgoglio sono stati molti. Solo qualche settimana fa ho avuto l’onore di organizzare con un ospite la proposta di matrimonio per la sua fidanzata. Abbiamo passato settimane a scambiarci email, e poi ore in camera per organizzare la sorpresa. Tra petali di rose, candele, palloncini, foto e striscioni, è stato sicuramente un pomeriggio abbastanza impegnativo! Ricordo bene l’espressione tesa dell’ospite; e non dimenticherò mai quando, il mattino dopo, sono venuti in ricevimento per farmi vedere l’anello di fidanzamento. Far parte di un evento così speciale, anche se in piccolissima percentuale, è stato bellissimo!

Fabiola: Anch’io ho davvero tanti bei momenti da condividere. Uno di quelli che mi è rimasto impresso è stato quando, per una proposta di matrimonio, ho organizzato una cena privata con vista sul castello. La riuscita della serata era molto importante per gli ospiti ed anche per me, visto che la realizzazione di un momento che avrebbe segnato la loro vita per sempre era una mia responsabilità. Le lacrime di emozione che hanno seguito, mi hanno fatto capire che avevo colto nel segno e ciò mi ha reso davvero orgogliosa del mio lavoro.


Quali sono i luoghi o le attività preferite vicino all’hotel che consigli sempre?

Alessia: I luoghi che vale la pena visitare nei dintorni del Pellicano sono Il Giardino dei Tarocchi ai piedi di Capalbio e le isole del Giglio e di Giannutri, soprattutto se con una piacevole gita in barca, per ammirare il panorama in una pace assoluta. La camminata verso la spiaggia delle Cannelle è un altro must, sia come training che come passeggiata in pieno relax.

Francesco: Ai nostri ospiti consiglio sempre un’escursione in barca. Ischia è bellissima, e vederla dal mare, fermarsi nelle sue baie cristalline, immergersi nei fondali blu è assolutamente una cosa da non perdere. Ma Ischia non è solo mare. Ci sono tantissimi percorsi di hiking che portano a luoghi che tolgono il fiato! Dalle degustazioni di vino alle visite alle cantine, passando per le terme (quelle di Ischia sono le più antiche al mondo!), l’isola va vissuta per capire realmente che gemma sia.

Fabiola: La Posta Vecchia ha la fortuna di essere vicino Roma, quindi certe volte consigliare è facile perché abbiamo moltissime offerte, ma preferisco sempre far scoprire le bellezze locali ai nostri ospiti internazionali. La necropoli Etrusca della Banditaccia, patrimonio UNESCO a pochi chilometri dall’hotel, è certamente una di queste e permette di immergersi in un viaggio nel tempo alla scoperta degli Etruschi e della loro cultura.


Dacci una dritta per massimizzare un soggiorno all’hotel. 

Alessia: Consiglio di lasciarci organizzare un transfer per arrivare in hotel nel modo più confortevole, e poi provare le esperienze che offriamo in struttura, come i trattamenti wellness, i leggendari cocktails del barman Federico, i nostri ristoranti e, perché no, terminare la vacanza con degli acquisti dal marchio ISSIMO nella nostra Boutique.

Francesco: Direi di considerare un soggiorno ad Ischia di almeno 4 giorni: con 6 comuni e 43 km di costa c'è tanto da esplorare, quindi avere tempo aiuta se si vuole scoprire l’isola un po' più in profondità. Consiglio vivamente anche un aperitivo al Bar La Torre e un tuffo nella nostra baia privata e, a seguire, una chiacchierata con me per degli ottimi suggerimenti sull’Isola d’Ischia!

Fabiola: La Posta Vecchia è un luogo magico, ricco di storia millenaria, scelto sin dai Romani per la sua posizione. Per far sì che questo luogo resti ancor più impresso nella memoria dei nostri ospiti, propongo sempre di attendere la cena salutando il sole con una seduta di Yoga al tramonto presso la nostra terrazza. È l'occasione perfetta per poter riconciliare mente e corpo con la natura ed apprezzare a pieno la bellezza della nostra location.